Punta di diamante della prestigiosa scuderia Ninja Tune, che ha appena licenziato il suo nuovo stupefacente album “Foley Room”, il brasiliano Amon Tobin è uno dei pochi producer del panorama attuale in grado di andare al di là delle mode e dei generi del momento, per proporre - tanto nelle produzioni che nei set dal vivo - una miscela realmente unica di suoni, che vanno dal jazz all’hip hop, dalla bossa fino al drum ‘n bass. Il tutto con un’attitudine sperimentale, che si esprime soprattutto attraverso l’uso innovativo e sorprendente delle tecniche del sampling, che ha sempre contraddistinto il suo stile, sin dall’esordio "Adventures in Floam", pubblicato sotto il nome Cujo, passando per le successive produzioni Ninja "Bricolage" e "Permutation", che gli valsero tra l’altro anche il pubblico plauso di David Byrne. Fino a "Supermodified", un album costruito con bassi fatti da campionamenti di motociclette e con un approccio molto influenzato dal jazz. Il nuovissimo “Foley Room” porta ancora oltre questa tecnica, utilizzando campioni tra i più svariati, modificati e stravolti, così da dare vita ad un’opera veramente sorprendente. Amon e i suoi collaboratori sono andati in giro per le strade, con microfoni sensibilissimi e hanno registrato suoni: dal ruggito delle tigri, al rumore di un gatto che mangia un topo, dalle vespe a un frutto che cade dall’albero, dagli utensili da cucina a una moto, o ancora all’acqua che gocciola dal rubinetto. In aggiunta a questo ci sono i suoni creati da musicisti quali i Kronos Quartet, Stefan Schneider e Sarah Pagé. Ogni set ed ogni produzione dell’artista brasiliano rappresentano un vero e proprio viaggio imprevedibile in un universo sonoro ricchissimo di suggestioni differenti, quasi un’immersione profonda in un mondo parallelo di suoni “altri”. Al Brancaleone di Roma Amon Tobin sarà il protagonista di una serata speciale che vede l’incontro tra Snob Production e Firewater, con l’opening set di Raffaele Costantino e la chiusura in consolle di Andrea Lombardo. Live visuals di pixelorchestra.

http://www.myspace.com/tobinamon