‘Se dai per scontato che non esista alcuna speranza, farai in modo che non esista speranza. Se dai per scontato che esista un istinto verso la libertà, farai in modo che ci sia un’opportunità di cambiare le cose’. Noam Chomsky

Benvenuti nel sito del Centro Sociale Brancaleone

Dal 1990

Defend Rojava

Details

Data: 15 December 2019
Durata: 1 Giorno
Type: open

Grande come una città, Brancaleone, Csa Astra, Lab Puzzle – Bene Comune e Rete Kurdistan Italia invitano a: Ogni tempesta comincia con una singola goccia – Defend Rojava

Giornata di incontri, libri, film, musica per parlare del popolo curdo e sostenerlo. La sottoscrizione dell’iniziativa verrà devoluta alla mezzaluna rossa Kurdistan.

domenica 15 dicembre 2019
dalle 15:30 alle 23:00
Parco Lorenzo Orsetti | via Nomentana Nuova, 107
Brancaleone | via Levanna, 11

* a parco Lorenzo Orsetti

ore 15:30 – appuntamento all’ex parco Nomentano, oggi parco Lorenzo Orsetti per rimettere al suo posto la targa toponomastica rimossa il 4 dicembre dal Comune di Roma.

qui maggiori info https://roma.fanpage.it/montesacro-il-comune-di-roma-rimuove-la-targa-dedicata-a-lorenzo-orsetti-partigiano/

* al Brancaleone

ore 16:00 – Inaugurazione della mostra fotografica ‘Donne curde: una vita in lotta’ a cura di Maria Novella De Luca.

ore 16.30 – La causa curda, intervengono: Uki Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, Zilan Diyar attivista dei comitati della Jineoloji (qui una sua intervista https://vimeo.com/372997615), Daniela Volpe di Donne in genere ONLUS / Centrodonna L.I.S.A., Sait Dursun del CENTRO SOCIO CULTURALE ARARAT ROMA

ore 18:00 – “Lele” e Cristiano Armati presentano il libro ‘Omaggio al Rojava – Il fronte siriano, la rivoluzione confederale e la lotta contro il jihadismo raccontati dai combattenti internazionali YPG ‘ a cura dei Combattenti internazionali YPG, 2019 Redstarpress edizioni. Sarà possibile acquistare il libro i cui proventi sono destinati all’Associazione Lorenzo Orsetti.

dalle 18:30 – Cucina curda a cura del Centro Socio Culturale Ararat

Incursioni musicali a cura di:
FIMMENE FIMMENE
LHHM – Lab Hip Hop Meticcio
ill Nano

ore 20:00 – proiezione del Film: Xwebûn – Essere se stessi di Cora Hoffmann, Sara Handelmann,Antonia Kilian (2016 – 65’). Sara Handelmann o Sara Dorsin combattente tedesca è caduta sul campo lo scorso Aprile sotto un bombardamento turco, qui un video in sua memoria https://internationalistcommune.com/in-memory-of-sehid-sara-dorsin/

* Maria Novella De Luca – Nata ad Alatri dopo la laurea in Lingue con specializzazione in informazione e comunicazione inizia la carriera di fotografa che la porta a collaborare come fotoreporter presso le agenzie Ansa, AGF, Agi e Milestone pubblicando sulle maggiori testate nazionali come Corriere della Sera, La Repubblica, La Stampa, Il Messaggero, Oggi e Left. Ha realizzato reportage sociali e di viaggio in Mozambico, Nigeria, Libano, Siria, Turchia, Cuba, Chiapas, Guatemala e Nicaragua e ha realizzato il reportage “Cosa c’è dietro una tazza di caffè“ sulla raccolta del caffè in Chiapas. Tra gli ultimi lavori la missione Search and Rescue Moas Cri con croce Rossa a largo della Libia e realizzato reportage sociali nel kurdistan turco e nella città di Kobane. Dal viaggio a Kobane ha presentato la mostra fotografica “Kobane: il forno che resiste”. Da tre anni segue un reportage fotografico e video sulla cannabis terapeutica in Italia.
[http://www.marianovelladeluca.com/pagina-di-esempio/ ]

* Sait Dursun – Sait ha 37 anni e in Italia si è stabilito definitivamente dal 2002, dopo essere stato espulso dall’Austria. Ha una carta di soggiorno e lavora come interprete nei tribunali e per le commissioni territoriali per il riconoscimento del diritto d’asilo.Sait Dursun recupera gli oggetti in legno abbandonati in giro per Roma e li trasforma in giocattoli. Ha imparato a costruirli da piccolo, sotto le bombe, in un villaggio del Kurdistan turco. Suo padre riparava gli attrezzi dei contadini del posto e lui, osservandolo, ha appreso l’arte di lavorare il legno. Ha aperto nel marzo scorso la sua bottega nel Villaggio Globale, uno spazio autogestito, nel rione Testaccio, in cui “si promuove l’incontro di idee e culture”. [https://video.repubblica.it/edizione/roma/sait-dal-kurdistan-a-roma-cosi-il-legno-abbandonato-rivive-nei-miei-giocattoli/336518/337115?ref=fbpr&fbclid=IwAR2G-Ks7KccM_NwVrDRcrrx3sVkiXqfCvhvNsQkf0aLPZEH6RU9vJnrIo8k ]

* Zilan Diyar – del comitato Europeo di Jineoloji.

*Lele – Combattente internazionale tra gli autori del libro ‘Omaggio al Rojava’.

* Sara Handelmann – nata nel 1985 in Germania, dopo essere stata impegnata in diverse associazioni socialiste, era rimasta particolarmente colpita dalla lotta di liberazione del popolo curdo e la sua ricerca l’aveva portata fino alle montagne del Kurdistan. In particolare aveva suscitato il suo interesse l’organizzazione autonoma delle donne curde, incontrata nel 2016 in Bakur [Kurdistan del nord], sulla quale insieme a amiche e amici ha girato il film “Xwebûn“. Si è poi unita guerriglia nel 2017 e in breve tempo aveva assunto il ruolo di comandante nelle unità combattenti delle donne YJA-Star. Il 7 aprile 2019 è caduta martire nei bombardamenti turchi contro le zone di difesa di Medya [ https://www.retekurdistan.it/2019/12/01/proiettato-per-la-prima-volta-in-italia-il-film-xwebun-di-sarah-handelmann-sara-dorsin/ ]


www.grandecomeunacitta.org
grandecomeunacitta@gmail.com
www.brancaleone.it
www.retekurdistan.it